Alla Scoperta della forza della creatività
Introduzione all’arte di clown attore

Guida pratica per professionisti dello spettacolo e non

con VLADIMIR OLSHANSKY
– Laureato alla Scuola Nazionale del Circo e del Teatro di Varietà di Mosca
– Clown Guest Artist del Cirque du Soleil
– Ruolo principale in giallo in Slava Snow Show di Slava Polunin
– Autore “Manuale di Clownterapia”
– Direttore artistico di Soccorso Clown

DATE: 26, 27, 28 gennaio 2018 (TOT 16 ore)

ORARI: venerdì 26 gennaio 18.00 – 22.00 / sabato 27 e domenica 28 gennaio 10.00 – 13.00 e 14.30 – 17.30

LUOGO:  Scuola Sperimentale dell’attore via Tiziano, 15 Pordenone

N° PARTECIPANTI: minimo 10 – max 14

COSTO: € 170,00

ISCRIZIONI: 0434 574459 – 338 1623039 – mr@molinorosenkranz.it   (entro il 12 gennaio 2018)

I partecipanti al laboratorio hanno diritto all’ingresso gratuito allo spettacolo OOPS Indagine di un’identità di Vladimir Olshansky che si terrà giovedì 25 gennaio alle ore 21.00 al Teatro comunale di Zoppola

DESCRIZIONE:
In questi 3 giorni di laboratorio intensivo, i partecipanti impareranno a sviluppare i princìpi, i metodi e le tecniche del attore clown, e come applicarlo nei diversi generi della Commedia fisica e del Teatro Visuale: L’arte della clownerie si basa su un fattore fondamentale, l’attore-clown una figura eccentrica, spesso grottesca, che spazia dalla pantomima dei clown al teatro di parola, o al clown del circo, senza soluzione di continuità, mescolando diverse tecniche e stili.
Il workshop ha l’obiettivo di condurre i partecipanti nel cuore di questa affascinante disciplina, di scoprire e capire, attraverso una metodologia originale, la profondità di un alto livello di maestria e le risorse del talento di ognuno di loro per la commedia.

LA STRUTTURA:

1. Il fattore “ego”. (La preparazione mentale.)
2. I quattro centri energetici del nostro corpo: fisico, intellettuale, mentale, emozionale. Il principio del loro funzionamento e loro influenza sullo sviluppo della creatività umana.
3. Il principio della comunicazione senza l’uso della parola (comunicazione verbale)
4. Il metodo dell’improvvisazione. La forza del corpo e della mente.
5. L’uso della commedia fisica: il linguaggio del corpo e le emozioni

Commenti degli allievi:

“ Vladimir ha raggiunto il cuore dell’ arte del clown: nella performance e nella filosofia. Condure il master class in  cosi` alto livello e qualita` e riuscire anche far divertire, e`davvero una straordinaria capacita dell’ insegnante” – Carl Kissin, attore- comico. New York, USA

“Buonasera Maestro. Sono lieto di scrivere le mie impressioni e sensazioni riguardo al seminario. Innanzitutto mi sono portato a casa molte informazioni concrete e davvero tanti stimoli. E’ stato un seminario davvero interessante sia per quanto riguarda la formazione attoriale ma altrettanto per quanto riguarda la formazione di una persona”. Eros Emmanuil Papadakis, attore. Italy.

“Bellissima esperienza, lavoro singolo e di gruppo molto intenso a livello energetico e divertente!! Ottimi insegnamenti a livello umano utili nella ricerca del propro clown… Grazie di tutto Vladimir!” Stefano Tornese, attore. Italy

“il Master Class di Vladimir e sempliciamente inestimabile! Siamo venuti per imparare con  diversi approcci , definizioni e livelli di preparazione teatrali, ma allafine del Master Class abbiamo scoperto che cosa dovvero E’ un clown-attore. –Siamo davvero GRATI!”. Jenny Thompson Walters. Adelaide, Australia.

INFORMAZIONI SUL MAESTRO

Alla fine degli anni Settanta, quando vinsi un premio a Mosca per le Arti dello Spettacolo, il mio sogno era quello di fondare un Teatro di Clown. Mi sono laureato alla Scuola del Circo di Mosca. Le mie idee sulla clownérie nascono dai Maestri del cinema muto: Charlie Chaplin, Max Linder e Buster Keaton, oltre ai leggendari registi russi Mejerchol’d e Vachtangov.
Mentre studiavo arti circensi ho avuto modo di incontrare lo straordinario clown russo Leonid Engibarov, dal cui talento sono stato completamente sedotto. E’ stato il primo clown a combinare insieme l’Arte del Circo e il teatro. Me ne tornai, allora, a Pietroburgo con l’idea di un Teatro di Clown, con un clown-attore come protagonista. Insieme a un clown ora conosciutissimo e molto dotato, Slava Polunin, fondammo il Gruppo Clown “Lizidei”. Nel frattempo io misi in piedi il mio primo “one man show”, uno spettacolo con me unico attore clown, in cui possono riconoscersi le influenze artistiche sia di Becket che di Robert Wilson.
Nel 1997 sono stato invitato da Slava a recitare la parte del principale “clown giallo” nel suo “Snow show” al teatro Old Vic di Londra. I nostri rapporti non si sono mai interrotti.
Alla fine degli anni 1990 con mio fratello Yury, regista ed attore, e Caterina Turi-Bicocchi, abbiamo fondato “Soccorso Clown”, un’organizzazione no-profit per attività artistiche e sociali. Abbiamo fatto esperienza come “hospital-clown” e lanciato questa nuova professione in Italia per lavorare negli ospedali coi bambini e le loro famiglie, nei vari reparti, inclusi quelli di Oncologia e AIDS. In questi anni ho fatto appello alla mia decennale esperienza accumulata in vari ospedali di New York (USA). Ora sono il Direttore Artistico di Soccorso Clown.
Ho cominciato a lavorare al Cirque du Soleil in “Allegria” nel 2000; ho un contratto come “guest-actor”. Ho lavorato con loro nelle tournées in Australia e Nuova Zelanda. Dopo una pausa la collaborazione è ripresa nel 2004 a New York, Philadelphia e Toronto.
Il lavoro insieme al Cirque du Soleil mi ha indotto a inventarmi un nuovo spettacolo come clown-attore, “Strange Games”, in cui ho potuto in parte mettere in pratica alcune mie idee sulla clownérie. Poesia e commedia filosofica, comédie humaine e gioia della vita ne sono le fonti ispiratrici.
Ora vivo in Italia e questo mi dà l’immenso piacere di misurarmi sul palcoscenico italiano dove il fenomeno della Commedia dell’Arte ha preso il suo avvio, ritrovando in un certo senso le mie radici di clown.