Residenze teatrali

Compagnie vincitrici del Bando mini residenze teatrali Fila a Teatro 2017-18

 

VLADIMIR OLSHANSKY
con il progetto per la ripresa dello spettacolo: “Oops” – indagine di un’identità”

Ho deciso di chiamare questo mio Show “ “Oops” – indagine di un’ identità”
Sono molto pochi quelli che sanno cosa sia la clownerie, l’arte del clown. Cos’è un clown? Un clown non è una maschera di carnevale, che può essere indossata da chiunque ne abbia voglia.
Il clown è un attore dallo spiccato talento comico, con l’impulso a dedicarsi a sviluppare questo dono per tutta la vita. L’arte della clownerie è un’arte tutt’altro che facile. È molto frequente che il clown sia anche l’autore, il drammaturgo, del suo repertorio. Oggi voi potrete vedere un ampio spettro di questa arte, dalla semplice entrée in una pista da circo fino alle vette della filosofia e della poesia. Siete pronti? Allora cominciamo. È questa la mia vera faccia.
È l’arte della pantomima a dare una maggiore libertà di azione, non costringendo l’attore a rapportarsi all’attrezzeria di scena: infatti il clown può creare il proprio mondo ricorrendo alla propria fantasia e alla fantasia degli spettatori.
Anche il mondo interiore dell’individuo, i suoi problemi, la sua psicologia, possono essere la fonte di alcune scenette: l’uomo comune alle prese con un mondo insolitamente grande e complicato.
VIDEO

Vladimir Olshansky
laureato alla Scuola Nazionale del Circo e del Teatro di Varietà di Mosca, Clown Guest Artist del Cirque du Soleil. Ruolo principale in giallo in Slava Snow Show di Slava POLUNIN, Autore ” Manuale di Clownterapia” editore Dino Audino, Roma 2017,  Direttore Artistico di Soccorso Clown. 

L’anteprima sarà giovedì 25 GENNAIO alle ore 21.00 nel Teatro Comunale di Zoppola

 

TEATRO DELLE FOGLIE
con il progetto: “Ballata d’autunno”

Il progetto “Teatro delle Foglie – Ballata d’autunno” è un’opera multidisciplinare che unisce il teatro d’ombre, il mimo, l’acrobatica aerea, la danza, la manipolazione e il clown. In essa si mescolano così la forza del circo, l’improvvisazione del teatro di strada e la poesia del teatro di figura, veicolati dal linguaggio universale del corpo, dello sguardo e delle ombre.
Personaggi senza parole ci trasportano in una performance fuori dal tempo, che narra la scoperta di un mondo nuovo, una realtà da esplorare e in cui perdersi, una periferia che si trasforma in una foresta nella quale è necessario cercare la propria strada, il proprio luogo di appartenenza, la propria identità.
Uno spettacolo ricco di immagini forti, con netti contrasti di luci e ombre, di colori caldi e freddi, di silenzi stridenti  e melodie cullanti.
I personaggi sono passeggeri di una zattera che naviga nel tempo, sospesi fisicamente e metaforicamente. Due ombre che compaiono dal sottosuolo, memorie di un tempo passato, ricordi che tornano ad affiorare.

VIDEO

Teatro delle Foglie
Composto da Marta Finazzi (Genova, classe 1987) e Nicolas Benincasa (Buenos Aires, classe 1979), nasce nella primavera 2017, ma la sua gestazione è stata lunga. I due fondatori, Marta e Nico, si conoscono nel settembre 2013 a un festival di artisti di strada. Marta, acrobata e danzatrice aerea, è lì per presentare lo spettacolo della sua compagnia Duo Artemis. Nico, clown e musicista, è lì con lo chapiteau della sua compagnia Circo Patuf.
E’ la pioggia a farli incontrate (sì, proprio come nella siglia di Kiss Me Licia): per ripararsi dalla tempesta Marta si rifugia sotto il tendone, e così conosce Nico. Proprio in quel periodo Nico, dopo 20 anni di esperienza come artista di strada e di circo e molti premi vinti in giro per il mondo, decide insieme a due colleghi, l’acrobata Mr. Dyvinetz e il mimo Karkocha, di aprire uno spazio di creazione per il teatro-circo a Barcellona, dove i tre risiedono da più di 10 anni.
Nasce così il progetto El Otto. L’idea risponde a un’esigenza molto sentita dagli artisti di circo che da tutto il mondo si riversano a Barcellona in cerca di spazi dove allenarsi, creare, sperimentare e presentare i loro work in progress davanti a un pubblico consapevole.

Marta Finazzi – Maldimar
Artista di strada, performer, attrice di teatro-circo, insegnante di discipline aeree. Acrobata aerea poliedrica, esplora le possibilità del movimento e la dinamica del corpo in aria con tessuti aerei, rete, corda liscia, corda volante, trapezio fisso e duo.
Nicolas Benincasa – El Niño del Retrete
Clown, mimo, giocoliere, equilibrista, attore di teatro-circo e musicista.
Il suo umorismo tagliente e dissacrante si rivolge agli adulti, ma conquista anche i bambini attraverso il linguaggio universale della gestualità. Usa sapientemente playback, música e manipolazione di oggetti per ridere di se stesso e dei cliché dell’uomo.

 

L’anteprima sarà venerdì 9 MARZO alle ore 21.00 nel Teatro Comunale di Zoppola

 

BANDO
SCHEDA ISCRIZIONE