residenze

Le compagnie vincitrici del bando 2016 – 17

Francesca Franzè (Brescia) con il progetto “FAIL” – in residenza dal 23 al 28 aprile

  • tematica attuale e molto sentita anche nel nostro territorio
  • chiarezza della proposta progettuale ben articolata
  • interessante e originale proposta di messa in scena

    28 aprile 2017 ore 21.00 Teatro Comunale di Zoppola

    FAIL
    Concept: Francesca Franzè
    Con: Francesca Franzè e Luca Serafini
    Dramaturg: Letizia Buoso

    “Se ciascun essere umano è un fiore e cresce verticale accanto agli altri nel campo”
    Fail. La crisi economica e i suoi effetti attraverso l’esperienza di un imprenditore in battaglia che non vuole arrendersi all’evidenza del fallimento della sua azienda e scommette sulle sue capacità professionali e manageriali, oltre che sulle risorse della sua attività, cercando di contrastare e superare i severi limiti imposti da un contesto di recessione economica come quello degli anni 2008-2009. La scena nasce dall’osservazione partecipata e dal ricordo di quest’uomo: è il nostro reagire dal presente a questa vicenda, assumendoci i ruoli di chi c’era ed era coinvolto, in una relazione di successione, dove chi viene dopo può farsi filtro vivente e portare anche le proprie risorse interpretative. Il fallimento è esplorato come attitudine e propensione dell’individuo a mettere in atto un piano programmatico di azioni, già in potenza autosabotanti, in un continuo intersecarsi di proiezioni sul futuro e conseguenze delle scelte passate, valutazioni errate, slanci onesti e coraggiosi, in un presente controverso. Prendono vita una pluralità di visioni che inseriscono il fallimento tra le possibilità intrinseche alla ricerca di una realizzazione personale, tra il successo o l’inefficacia dell’agire. I materiali industriali recuperati dall’azienda chiusa diventano tracce installative. I fatti non sono più solo materiale di archivio, ma anche elementi che si relativizzano e insieme trovano nuovo senso tra i percorsi possibili dell’esistenza.
    Una linea di azioni in un mucchio di frammenti di plexiglass rimasti dopo un fallimento. Un’esperienza di slancio, sogno e progetto di se stessi, una famiglia, un’azienda, un’economia, da attori, oggi.

    Ingresso unico: € 5,00



Acqualta Teatro (Noale VE) con il progetto “ON THE MOON” – in residenza dal 26 al 30 marzo

  • utilizzo di diverse tecniche di teatro di figura intrecciate in modo innovativo
  • tematica capace di coinvolgere un pubblico eterogeneo

    30 marzo 2017 ore 9,00 Teatro Comunale di Zoppola

ON THE MOON
di e con Gianfranco Gallo e Maria Elena De Villaris

Spettacolo per Attori Ombre Oggetti

Cosa c’è sulla Luna? Possiamo fantasticare sul fatto che sulla Luna potrebbe esserci qualsiasi cosa, la vediamo ogni sera, è così vicina, diamo per scontato che sia un asteroide della Terra e basta…
ma se andassimo oltre? Se seguissimo l’ipotesi dell’Ariosto e fosse un luogo in cui si può ritrovare tutto quello che si perde sulla Terra? Che sollievo sarebbe poter recuperare le cose perdute…
Calzini, occhiali, cappelli, giocattoli…oggetti di ogni genere a centinaia, e poi lacrime e sospiri degli amati, coraggio , speranza, saggezza, memoria…tutto finisce lì. Cominceremo questa ricerca da qui. Gli oggetti che sono stati scartati dalla Terra finiscono sulla Luna e lì…
Gianni, un bambino di sette anni, perde il suo gioco preferito, il suo compagno di avventure, inizia a cercarlo dappertutto e incontra, un personaggio davvero particolare, un cavaliere dalla scintillante armatura, e un grande pennacchio in groppa ad un animale fantastico, un Ippogrifo. Sono Astolfo e il suo fidato destriero! (grazie al nostro amato Ludovico Ariosto). Saranno loro ad accompagnarlo in un viaggio straordinario sulla Luna, dove scopriranno un mondo fatto di oggetti strani, chiaccheroni, simpatici, egocentrici, ricchi di caratteri differenti, proprio come gli esseri umani…

PROGETTI DI TEATRO – DANZA – ARTI PERFORMATIVE

Bando 2016 – 2017

Inserito nel progetto “Fila a Teatro 2016-17”, il bando nasce con l’obiettivo di mettere in relazione il teatro con il territorio, offrire agli artisti spazi adeguati, valorizzando i processi creativi e contribuendo alla formazione di un pubblico consapevole.

REQUISITI DI PARTECIPAZIONE:
• Il progetto dev’essere inserito nell’ambito di: teatro, danza, arti performative, circo contemporaneo.
• Il progetto può essere rivolto sia ad un pubblico adulto che di ragazzi.
• Possono partecipare al bando artisti e compagnie formali ed informali purché operino in ambito professionale.
• Il progetto può essere in fase di sviluppo o conclusione.
• Alla fine della residenza la compagnia è tenuta a presentare il lavoro svolto nella sua totalità o parzialmente o in alternativa proporre una sessione laboratoriale basata sulla propria tecnica espressiva alla comunità.
• Il progetto dovrà essere il più possibile autonomo in quanto ad allestimento, illuminazione, fonica.

SERVIZI A CARICO DELL’ORGANIZZAZIONE:
• Utilizzo del Teatro Comunale di Zoppola ( scheda tecnica in allegato ) per 6 giorni (dal 26 al 31 marzo e dal 23 al 28 aprile 2017 )
• Scheda tecnica di base che prevede l’impianto audio, amplificatori e mixer 8 PC da 1000 w, dimmer 12 canali, mixer luci 12 canali
• Alloggio in appartamento con uso cucina per 7 giorni/notti per max 5 persone.
• Disponibilità della direzione artistica per confronti e scambi se necessari.
• Diffusione e promozione sul sito dell’ associazione, organi di stampa e network specializzati.
• Eventuale pagamento oneri SIAE

AGLI ARTISTI/COMPAGNIE È RICHIESTO:
• Sostenere costi di viaggio, vitto e spedizione eventuale di materiali.
• Essere in possesso di liberatorie SIAE e diritti d’autore per musiche, testi e coreografie non originali.
• Essere in grado di fornire la certificazione di agibilità INPS ex ENPALS per la giornata conclusiva aperta al pubblico.
• Disponibilità nei periodi di residenza previsti ( dal 26 al 31 marzo e dal 23 al 28 aprile 2017 )
• Essere autonomi per mobilità e trasporto individuale per il periodo della residenza.
• Aver cura degli spazi assegnati, delle condizioni e degli orari concordati.

MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE:
Per partecipare alla selezione, gli artisti/compagnie dovranno inviare entro e non oltre le ore 12.00 del 13 gennaio 2017 via mail all’indirizzo mr@molinorosenkranz.it i seguenti materiali:

• Scheda di iscrizione (in allegato)
• CV del singolo artista o della compagnia
• Presentazione del progetto in forma estesa
• Scheda tecnica (anche provvisoria) dello spettacolo
• Video promo dello spettacolo o delle prove dello stesso o in assenza di entrambi video di repertorio della compagnia
• Ogni materiale che l’artista/compagnia reputa necessario ai fini della valutazione

ESITO SELEZIONI:
La selezione sarà a cura insindacabile della direzione artistica, il suo esito verrà comunicato via mail a tutte le compagnie e pubblicato sul sito www.molinorosenkranz.it entro il 31 gennaio 2017.

SCHEDA ISCRIZIONE

SCHEDA ISCRIZIONE_PDF

SCHEDA TECNICA TEATRO

BANDO PDF

CONTATTI:
Associazione Culturale Molino Rosenkranz
Via Saccons 3 33080 Zoppola- PN
tel 0434 574459 o 348 9033339
mr@molinorosenkranz.it
www.molinorosenkranz.it

——-


Edizione 2015-16

Le compagnie vincitrici del bando 2015 – 16

 

Consorzio Scenico – Friuli

The Frames – Lazio

Giacomo Trevisan e Serena di Blasio – Friuli

Vera Mor – Sicilia

 

 

 

MOTIVAZIONI DELLA SCELTA

Consorzio Scenico

  • offrire supporto ad una realtà emergente friulana
  • originalità della drammaturgia
  • chiarezza della proposta progettuale ben articolata anche negli obiettivi
  • l’importanza della tematica legata al centenario della Grande Guerra

The Frames

  • professionalità ed esperienze artistiche degli attori
  • sostenere una compagnia nascente dalle brillanti possibilità
  • l’importanza delle tematiche attuali estrapolate da un’intramontabile opera classica

Vera Mor

  • originalità della proposta che “osa” portare uno spettacolo di circo contemporaneo in teatro
  • l’internazionalità delle esperienze professionali dell’artista
  • l’attualità del tema e l’originalità delle scelte per la messa in scena 

Giacomo Trevisan e Serena di Blasio

  • valorizzazione di tre artisti locali emergenti
  • valorizzazione della lingua friulana
  • la scelta del tema che mette in luce un aspetto poco conosciuto, ma importante della storia del Friuli

 


Venerdì 18 MARZO 2016, ore 21.00

LA VITA DAVANTI

CONSORZIO SCENICO (Trieste)

  

Testi Sara Beinat
Musiche originali di Massimiliano Borghesi in collaborazione con Lorenzo Zuffi arrangiate ed eseguite dal vivo dal M° Igor Zobin

Di fronte a un evento significativo come la prima guerra mondiale, e alla quantità delle sue riletture artistiche, la domanda che ConsorzioScenico si pone nell’affrontare il lavoro è: cosa significa avere tutta la vita davanti? Cosa significa per noi, giovani d’oggi? E cosa poteva significare per i giovani di cent’anni fa, alle prese con un conflitto di simile portata? Ma soprattutto, quant’è la vita che ci si prospetta davanti? Cent’anni? Magari solo un altro giorno? O forse un minuto?
Pur nel rispetto delle fonti e dei documenti disponibili che trattano la Grande Guerra, la scelta è stata quella di rinunciare a una ricostruzione storica per ricercare l’umanità, quel filo che unisce da sempre l’uomo attraverso i secoli e rende comprensibili scelte, dolori, gioie nonostante la distanza.

VIDEO PROMO

www.consorzioscenico.com

INGRESSO UNICO € 5,00

Info e prenotazioni: mr@molinorosenkranz.it 0434 574459 – 348 9033339


 

Sabato 16 APRILE 2016, ore 21.00

I MISANTROPI

THE FRAMES (Roma)

thumb_IMG_0057_1024 thumb_IMG_0081_1024_taglio

di e con Massimo Vinti, Valentina Chiribella, Lidia Miceli, Alessandro Moser

Quattro artisti desiderosi di confrontarsi con la quotidiana ricerca di ciò che ci attraversa e degli strumenti che il teatro ci offre per raccontare e rappresentare il mondo in cui viviamo.

Siamo tutti misantropi,nessuno è escluso! Schermati dalle costrizioni sociali, viziati da un’immagine di sé costruita per una società spietata che richiede sempre più la perfezione. Cosa dobbiamo trasformare oggi per diventare esseri umani?

In un momento di crisi dei valori umani così significativo, siamo andati ad investigare e studiare gli autori del passato e così abbiamo trovato in Molière un perfetto interprete di ciò che ci interessava raccontare: l’incapacità di accettare se stessi e gli altri, l’incapacità di amare e di amarci, la pressione sociale e le nostre ambizioni, elementi capaci di modificare, a volte deformare, ciò che siamo e ciò che desideriamo veramente. Cosa delinea profondamente il tratto dell’umanità? Aborrire il male, scacciarlo, tenerlo lontano come fa Alceste o abbracciarlo, comprenderlo come naturale inclinazione dell’essere, come suggerisce Filinte? E ancora, cosa giustifica l’amore? Cosa nasconde questo sentimento in Arsinoè o in Celimene? Siamo tutti misantropi, nessuno è escluso! Schermati dalle costrizioni sociali, viziati da un’immagine patinata del proprio sé costruita ad hoc per sopravvivere in una società spietata che richiede sempre più la perfezione.

Riscrittura scenica in chiave contemporanea mantenendo del testo di Molierè.

ANTEPRIMA FVG

 

INGRESSO UNICO € 5,00

Info e prenotazioni: mr@molinorosenkranz.it 0434 574459 – 348 9033339


Sabato 7 maggio 2016, ore 21.00

BALDUS / HABITS
EVENTO SPECIALE

Come conclusione della rassegna, una serata unica che accoglierà due anteprime, una sarà il frutto del lavoro di due artisti e autori locali, l’altra uno spettacolo di circo contemporaneo che mescola corda aerea e gioco d’attore.

BALDUS

di e con Giacomo Trevisan
regia di Serena di Blasio (Friuli)
1427065709   

La storia di Baldus è simile a quella di molti giovani friulani che sotto il dominio austriaco vennero “pilustrati”, cioè strappati dal loro paese e arruolati con la forza. Tornato a Codroipo, Baldus si vendicherà di chi gli ha “rubato la vita”: alla vendetta della vittima sul Potere, però, corrisponderà il castigo della vittima da parte del Potere.
Dopo la morte di Baldus, alla verità processuale si affiancano tante piccole verità sorte dalla voce popolare, e alla Storia si uniscono “le storie”. Nel monologo queste voci si sovrappongono: la messinscena di Serena Di Blasio metterà in luce i tanti punti di vista di questa vicenda ribelle, dolorosa, rabbiosa, esemplare.

La vicenda di Angelo Balduzzo diventa leggenda: uno spauracchio per i bambini (“Viôt che tu finissis come Baldùs!” vengono minacciati) che vedono in lui il bandito smargiasso e contrario al potere, un Robin Hood disgraziato e senza causa; le pettegole del paese mettono in giro la voce che della morosa del Balduzzo fosse innamorato anche il dott. Stefano Bianchi, veterinario e fratello del prete ammazzato, che avrebbe quindi tramato col fratello per avere “campo libero” e poter così concupire la giovane; per il potere Balduzzo diviene l’esempio negativo da punire per educare e spaventare il popolo. La storia di un disgraziato, sradicato dal suo paese e privo di futuro diviene una piccola parabola del potere che schiaccia l’uomo, la libertà e l’amore. Balduzzo non si ribella contro un prete colpevole di avergli fatto uno sgarbo, si ribella contro un meccanismo di prepotenza e potere dei sorestans su la puare int.

Nel monologo, quindi, si intrecciano le voci delle tre verità del racconto: la verità popolare e la mitizzazione infantile, la storia ufficiale e borghese (la versione utile al Potere per rafforzarsi) e la storia universale di chi lotta per la propria libertà. Seguendo il dipanarsi e riannodarsi dei tre piani, le zone oscure in cui possiamo tentare solo supposizioni, quelle illuminate solo dai documenti “di parte” e quelle narrate dalla gente si verrà a comporre un mosaico di idee, testimonianze, suggestioni su una vicenda che è sì friulana, ma universale.

HABITS

di e con Vera Mor (Sicilia)

  

Habits, è uno spettacolo di circo contemporaneo, che mescola corda aerea e gioco d’attore. E’ un viaggio intimo lungo quel percorso che unisce e separa l’individuo e la società. Racconta una metamorfosi, che porta l’individuo a liberarsi di quelle abitudini che è assuefatto ad accettare in quanto “animale sociale”, per inoltrarsi verso un percorso di autoconoscenza profondo. Spogliarsi degli abiti diventa scoprirsi, gioire, avere paura, conoscersi. Habits è la stanza di una donna, in cui avviene la sua graduale trasformazione da “animale sociale” ad essere umano.

Vera Mor inizia a intraprendere professionalmente la carriera di artista di circo contemporaneo nel 2006. Si forma presso la scuola di circo Flic dove si diploma nel 2008, presso Espace Catastrophe e Danscentrumjette di Bruxelles (2011), presso Gravity Circus Centre di Londra (dove si diploma nel 2014) e presso la Central del Circ di Barcellona (2015). E’insegnante e artista di circo contemporaneo dal 2008, lavorando presso svariati festival e teatri in Italia, Spagna, Svizzera, Inghilterra, Marocco, Belgio. E‘ attratta dall’aspetto autoriale e drammaturgico del circo contemporaneo, e dall’aspetto di ricerca, elaborando una poetica personale che va in una direzione espressiva più che dimostrativa. Già co-autrice e interprete dello spettacolo di circo e musica dal vivo “Ilinx” in collaborazione col sassofonista jazz Gianni Gebbia e di svariati soli su tessuti e corda, è stata impegnata negli ultimi mesi in una serie di residenze presso la Central del Circ di Barcellona, Espai Cronopis di Matarò, e Teatro Palafolli di Ascoli Piceno per la creazione del suo ultimo progetto da sala Habits, di cui è autrice e interprete, con la regia della coreografa Giovanna Amarù.

http://veramor.jimdo.com/

ANTEPRIMA FVG

 

INGRESSO UNICO € 5,00

Info e prenotazioni: mr@molinorosenkranz.it 0434 574459 – 348 9033339


 

BANDO RESIDENZE TEATRALI 2015 – 2016  (CHIUSO)

Progetti di teatro, danza, arti performative, circo contemporaneo

TEATRO COMUNALE DI ZOPPOLA

Il progetto di rilancio del Teatro Comunale di Zoppola nasce con lo scopo di creare uno spazio aperto all’incontro di diverse forme d’arte, con l’obiettivo di farle intrecciare in modo da creare un nuovo tessuto culturale nel territorio friulano. Parte del progetto sarà dedicata alle residenze creative, ponendo il lavoro degli artisti al centro di un sistema che ne vuole valorizzare, con il prodotto anche il processo di progettazione e creazione. Un investimento socioculturale volto a costruire nel tempo un luogo dove possa evolvere la ricerca dei linguaggi delle arti della scena in quanto professione, bene e patrimonio artistico collettivo.

Requisiti di partecipazione:

  • Il progetto dev’essere inserito nell’ambito di: teatro, danza, arti performative, circo contemporaneo.
  • Il progetto può essere rivolto sia ad un pubblico adulto che di ragazzi.
  • Possono partecipare al bando artisti e compagnie formali ed informali purché operino in ambito professionale.
  • Il progetto può essere in fase di inizio, sviluppo o conclusione.
  • Alla fine della residenza la compagnia è tenuta a presentare il lavoro svolto nella sua totalità o parzialmente o in alternativa proporre una sessione laboratoriale basata sulla propria tecnica espressiva alla comunità.
  • Il progetto dovrà essere il più possibile autonomo in quanto ad allestimento, illuminazione, fonica.

Servizi a carico dell’organizzazione:

  • Utilizzo del Teatro Comunale di Zoppola  per 5 giorni (con orario e modalità da concordare) oltre a mezza giornata per l’allestimento e mezza giornata per lo smontaggio, nel periodo compreso tra marzo e giugno 2016.
  • Scheda tecnica di base che prevede l’impianto audio, sei PC da 1000 w, un sagomatore segui-persona da 1000 w, due sagomatori da 600 w.
  • Alloggio in appartamento con uso cucina per 7 giorni/notti per 5 persone.
  • Disponibilità della direzione artistica per confronti e scambi se necessari.
  • Diffusione e promozione sul sito dell’ associazione, organi di stampa e network specializzati.
  • Eventuale pagamento oneri SIAE.

Agli artisti/compagnie è richiesto:

  • Sostenere costi di viaggio, vitto e spedizione eventuale di materiali.
  • Essere in possesso di liberatorie SIAE e diritti d’autore per musiche, testi e coreografie non originali.
  • Essere autonomi per mobilità e trasporto individuale per il periodo della residenza.
  • Aver cura degli spazi assegnati, delle condizioni e degli orari concordati.

Modalità di partecipazione:
Per partecipare alla selezione, gli artisti/compagnie dovranno inviare entro e non oltre le ore 12.00 del 31 dicembre 2015 via mail all’indirizzo mr@molinorosenkranz.it i seguenti materiali:

  • Scheda di iscrizione ( in allegato )
  • CV del singolo artista o della compagnia
  • Presentazione del progetto in forma estesa
  • Scheda tecnica ( anche provvisoria ) dello spettacolo
  • Ogni materiale che l’artista/compagnia reputa necessario ai fini della valutazione ( link ai video degli spettacoli in repertorio, rassegna stampa, foto ecc… )

Esito selezioni:
La selezione sarà a cura insindacabile della direzione artistica, il suo esito verrà comunicato via mail a tutte le compagnie e pubblicata sul sito www.molinorosenkranz.it entro il 30 gennaio 2016.

Le residenze si svolgeranno da marzo a giugno 2016

 

SCHEDA ISCRIZIONE

SCHEDA ISCRIZIONE_PDF

SCHEDA TECNICA TEATRO

Info e contatti:
Associazione Culturale Molino Rosenkranz
Via Saccons 3 33080 Zoppola- PN
0434 574459 – 348903333
mr@molinorosenkranz.it
www.molinorosenkranz.it

con il sostegno di          partner                      sponsor